Scheda di lettura

Titolo : Vita tua Vita mea. Le altre voci di Israele raccolte da una palestinese.

Data di composizione : 2004

Data e luogo di pubblicazione : 2004, Roma, Sinnos Cooperativa Sociale a.r.l. – Onlus, via dei Foscari, 18 – 00162 – Roma – www.sinnoseditrice.com - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
(La Sinnos editrice è un'Organizzazione Non Lucrativa di Utilità sociale (Onlus), che ha come finalità il reinserimento di persone svantaggiate.

 

 

Argomento (sintesi)
Testimonianze.

Autore (breve biografia)
Rania Hammad è figlia di Nemer, già ambasciatore palestinese in Italia, (vedi: Alberto La Volpe, Diario segreto di Nemer Hammad, ambasciatore di Arafat in Italia, Ed. Riuniti, 2002).
Rania è nata a Damasco il 21 agosto del 1970, è in Italia dal 1974, si è laureata in Scienze Politiche a Roma e ha conseguito a Londra un master in Relazioni Internazionali.
È giornalista e scrittrice. Nel 2004 è docente di "Relazioni internazionali" e "Storia e politica del Medio Oriente" presso l'Università americana St. John's a Roma.
Il suo primo libro è "Palestina nel cuore" (ed. Sinnos), testo bilingue, in cui attraverso la storia della sua famiglia narra le vicissitudini del popolo palestinese.
Su internet segnala: Grottapinta Lounge, Associazione culturale Italo-Araba, Via Grottapinta, 12 – 00186 – Roma (spettacoli dal vivo con musica etnica, hambient, lunge, nirvana, arabesque e internazionale).

Romanzo:
il libro non è un romanzo, ma una raccolta di articoli, testimonianze, segnalazioni, storie, esperienze di altre voci di Israele. In questo senso la sua utilità informativa.
Rimane il fatto che su 17 interventi 8 sono già stati in precedenza pubblicati.

Tempo in cui è ambientato (elementi da cui lo si deduce)
Attualità, riferimenti diretti.
Ad esempio in "Israele, una società militarizzata", si parla dei giovani obiettori di coscienza in Israele. "Dal gennaio del 2002 fino (...) al giugno 2002, 103 giovani sono stati incarcerati (o lo sono tuttora) a causa del loro rifiuto di servire come Forza d'Occupazione o di entrare a far parte di una qualsiasi macchina militare; 16 di essi erano coscritti o pre-coscritti, gli altri 87 sono riservisti (dall'inizio dell'intifada nel settembre 2000 fino a gennaio 2002 altri giovani, circa 60, hanno trascorso del tempo in prigione a causa delle loro idee).

Luoghi della vicenda:
Israele, territori occupati e vari luoghi

Personaggi principali e loro ruolo:
gli autori dei vari interventi.

Narratore:
ogni intervento ha il suo narratore.

Breve giudizio (impressione; motivi per cui scegliamo o consigliamo il libro)
Libro rassegna stampa e indirizzario, giacché ogni singolo intervento è molto breve e quindi non riesce a sviluppare molti contenuti.
È utile perché presenta delle realtà israeliane poco note, in questo senso il libro è un valido indirizzario.
Interessanti, all'interno di "Frontiere mentali" di Roni Dovrai, la riflessione sui testi scolastici e sulla loro educatività e i drammatici dati sulle condizioni di salute dei bambini.

Breve vocabolario tratto dal libro
- Hamas: ardore, ed è l'acronimo del Movimento di Resistenza Islamica, nato a Gaza all'inizio del 1988, durante la prima Intifada
- la Jihad Islamica è il braccio armato del movimento islamico
- Hizbollah è il movimento armato sciita libanese che riuscì a far ritirare gli israeliani dal Libano meridionale (punto di svolta della strategia e dell'azione del movimento islamista palestinese)
- Tanzim: in arabo vuol dire "organizzazione" e con questo termine ci si riferisce all'organizzazione di Al-Fatah, la corrente politica del leader Yasser Arafat, la stessa con cui gli israeliani hanno firmato gli accordi (DOP) nel 1993

Bibliografia tratta dal libro:
- Anthony Cordesman, Peace and War: Israel versus the Palestinians A second Intifada?, Centro per gli Studi Strategici ed Internazionali (CSIS), dicembre 2000, e la sua sintesi in Shraga Eilam, "Peace with violence or transfer, in Between The Lines, dicembre 2000
- Raviv Druker (laureato in legge, giornalista politico della radio dell'esercito israeliano "Galei Tzahal"), Harakiri (uscito in Israele, sull'ex primo ministro israeliano Barak, sulla sua attività durante e dopo il mandato, sulla sua incapacità di relazionarsi con gli altri, la sua paranoia e la sua ossessione di essere informato sull'opinione pubblica, al punto da spendere milioni di dollari).
- Yeuddith Harel, Uno o due stati. Ritornare o no?, pubblicato il 17 luglio 2003 nel sito di
- "Gush Shalom" – Blocco per la pace.

Sitografia (vedi anche in appendice al libro):
- www.seruv.org - Seruv (Movimento dei "Combattenti che dicono no a Sharon")
- www.btselem.org - B'Tselem, associazione per la difesa dei diritti umani

Autori degl interventi
- Gadi Algazi (Tel Aviv) e Azmi Bdeir (Kafr Kassen), membri di Ta'ayush, una delle più note associazioni pacifiste israeliane
- Daniel Amit, docente di fisica presso l'Università "La Sapienza" di Roma e presso l'università ebraica di Gerusalemme, ha promosso e coordinato numerose iniziative israeliane per la difesa dei diritti del popolo palestinese e ha scritto numerosi articoli apparsi su "Il Manifesto"
- Raya Cohen, docente di Storia presso l'Università di Tel Aviv e L'Orientale di Napoli
- Ran HaCohen, docente di letteratura presso l'Università di Tel Aviv e noto scrittore.
- Uri Davis, antropologo israeliano, Presidente di "Al-beit (in arabo : la casa) Association for the Defence of Human Rights in Israele, residente a Sakhnin, città araba al centro della Galilea
- Sveva Haertter, ebrea italiana, membro di "Ebrei contro l'occupazione" e del "Comitato European Jews for a Just Peace", Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- Ruth Hiller, esponente di "New Profile" movimento israeliano per i diritti civili in Israele (tra i quali il diritto di obiezione di coscienza), www.newprofile.org/english
- Sergio Yahni, giornalista israeliano e uno dei direttori dell'Alternative Information e refusenik
- Shamai Leibowitz, noto avvocato di Tel Aviv e autore di numerosi articoli
- Yael Meroz, giovane donna israeliana, sposata con un italiano, vive a Roma, dove si dedica alle attività di sensibilizzazione della problematica mediorientale, collabora con l'Università "L'Orientale" di Napoli
- Tanya Reinhart (docente di linguistica presso l'Università di Tel Aviv e l'Università di Utrecht, autrice di numerosi articoli e libri)
- Stefania Sinigaglia, ebrea italiana, membro della rete "Donne in nero" e "Ebrei contro l'occupazione"
- John Spritzler, scienziato e ricercatore della Harvard School of Public Health, fra i fondatori del "New Democracy World" (www.newdemocracyworld.org) e autore di numerosi articoli sul conflitto israelo-palestinese, pubblicati sul sito : www.jewishfriendspalestine.org

Poeti israeliani
- Aharon Shabtai
- Yitzhar Laor

Traduttore
- Shmuel Sermoneta Gertel

Scheda di lettura

 

 

Titolo : Vita tua Vita mea. Le altre voci di Israele raccolte da una palestinese.

 

Data di composizione : 2004

 

Data e luogo di pubblicazione : 2004, Roma, Sinnos Cooperativa Sociale a.r.l. – Onlus, via dei Foscari, 18 – 00162 – Roma – www.sinnoseditrice.com - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(La Sinnos editrice è un’Organizzazione Non Lucrativa di Utilità sociale (Onlus), che ha come finalità il reinserimento di persone svantaggiate.

 

Argomento (sintesi)

Testimonianze.

 

Autore (breve biografia)

Rania Hammad è figlia di Nemer, già ambasciatore palestinese in Italia, (vedi: Alberto La Volpe, Diario segreto di Nemer Hammad, ambasciatore di Arafat in Italia,  Ed. Riuniti, 2002).

Rania è nata a Damasco il 21 agosto del 1970, è in Italia dal 1974, si è laureata in Scienze Politiche a Roma e ha conseguito a Londra un master in Relazioni Internazionali.

È giornalista e scrittrice. Nel 2004 è docente di “Relazioni internazionali” e “Storia e politica del Medio Oriente” presso l’Università americana St. John’s a Roma.

Il suo primo libro è “Palestina nel cuore” (ed. Sinnos), testo bilingue, in cui attraverso la storia della sua famiglia narra le vicissitudini del popolo palestinese.

Su internet segnala: Grottapinta Lounge, Associazione culturale Italo-Araba, Via Grottapinta, 12 – 00186 – Roma (spettacoli dal vivo con musica etnica, hambient, lunge, nirvana, arabesque e internazionale).

 

Romanzo:

il libro non è un romanzo, ma una raccolta di articoli, testimonianze, segnalazioni, storie, esperienze di altre voci di Israele. In questo senso la sua utilità informativa.

Rimane il fatto che su 17 interventi 8 sono già stati in precedenza pubblicati.

 

Tempo in cui è ambientato (elementi da cui lo si deduce)

Attualità, riferimenti diretti.

Ad esempio in “Israele, una società militarizzata”, si parla dei giovani obiettori di coscienza in Israele. “Dal gennaio del 2002 fino (...) al giugno 2002, 103 giovani sono stati incarcerati (o lo sono tuttora) a causa del loro rifiuto di servire come Forza d’Occupazione o di entrare a far parte di una qualsiasi macchina militare; 16 di essi erano coscritti o pre-coscritti, gli altri 87 sono riservisti (dall’inizio dell’intifada nel settembre 2000 fino a gennaio 2002 altri giovani, circa 60, hanno trascorso del tempo in prigione a causa delle loro idee).

 

Luoghi della vicenda:

Israele, territori occupati e vari luoghi

 

Personaggi principali e loro ruolo:

gli autori dei vari interventi.

 

Narratore:

ogni intervento ha il suo narratore.

 

Breve giudizio (impressione; motivi per cui scegliamo o consigliamo il libro)

Libro rassegna stampa e indirizzario, giacché ogni singolo intervento è molto breve e quindi non riesce a sviluppare molti contenuti.

È utile perché presenta delle realtà israeliane poco note, in questo senso il libro è un valido indirizzario.

Interessanti, all’interno di “Frontiere mentali” di Roni Dovrai, la riflessione sui testi scolastici e sulla loro educatività e i drammatici dati sulle condizioni di salute dei bambini.

 

Breve vocabolario tratto dal libro

-          Hamas: ardore, ed è l’acronimo del Movimento di Resistenza Islamica, nato a Gaza all’inizio del 1988, durante la prima Intifada

-          la Jihad Islamica è il braccio armato del movimento islamico

-          Hizbollah è il movimento armato sciita libanese che riuscì a far ritirare gli israeliani dal Libano meridionale (punto di svolta della strategia e dell’azione del movimento islamista palestinese)

-          Tanzim: in arabo vuol dire “organizzazione” e con questo termine ci si riferisce all’organizzazione di Al-Fatah, la corrente politica del leader Yasser Arafat, la stessa con cui gli israeliani hanno firmato gli accordi (DOP) nel 1993

 

Bibliografia tratta dal libro:

-          Anthony Cordesman, Peace and War: Israel versus the Palestinians A second Intifada?, Centro per gli Studi Strategici ed Internazionali (CSIS), dicembre 2000, e la sua sintesi in Shraga Eilam, “Peace with violence or transfer, in Between The Lines, dicembre 2000

-          Raviv Druker (laureato in legge, giornalista politico della radio dell’esercito israeliano “Galei Tzahal”), Harakiri (uscito in Israele, sull’ex primo ministro israeliano Barak, sulla sua attività durante e dopo il mandato, sulla sua incapacità di relazionarsi con gli altri, la sua paranoia e la sua ossessione di essere informato sull’opinione pubblica, al punto da spendere milioni di dollari).

-          Yeuddith Harel, Uno o due stati. Ritornare o no?, pubblicato il 17 luglio 2003 nel sito di

-          “Gush Shalom” – Blocco per la pace.

 

Sitografia (vedi anche in appendice al libro):

-          www.seruv.org - Seruv (Movimento dei “Combattenti che dicono no a Sharon”)

-          www.btselem.org - B’Tselem, associazione per la difesa dei diritti umani

 

Autori degl interventi

-          Gadi Algazi (Tel Aviv) e Azmi Bdeir (Kafr Kassen), membri di Ta’ayush, una delle più note associazioni pacifiste israeliane

-          Daniel Amit, docente di fisica presso l’Università “La Sapienza” di Roma e presso l’università ebraica di Gerusalemme, ha promosso e coordinato numerose iniziative israeliane per la difesa dei diritti del popolo palestinese e ha scritto numerosi articoli apparsi su “Il Manifesto”

-          Raya Cohen, docente di Storia presso l’Università di Tel Aviv e L’Orientale di Napoli

-          Ran HaCohen, docente di letteratura presso l’Università di Tel Aviv e noto scrittore.

-          Uri Davis, antropologo israeliano, Presidente di “Al-beit (in arabo : la casa) Association for the Defence of Human Rights in Israele, residente a Sakhnin, città araba al centro della Galilea

-          Sveva Haertter, ebrea italiana, membro di “Ebrei contro l’occupazione” e del “Comitato European Jews for a Just Peace”, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

-          Ruth Hiller, esponente di “New Profile” movimento israeliano per i diritti civili in Israele (tra i quali il diritto di obiezione di coscienza), www.newprofile.org/english

-          Sergio Yahni, giornalista israeliano e uno dei direttori dell’Alternative Information e refusenik

-          Shamai Leibowitz, noto avvocato di Tel Aviv e autore di numerosi articoli

-          Yael Meroz, giovane donna israeliana, sposata con un italiano, vive a Roma, dove si dedica alle attività di sensibilizzazione della problematica mediorientale, collabora con l’Università “L’Orientale” di Napoli

-          Tanya Reinhart (docente di linguistica presso l’Università di Tel Aviv e l’Università di Utrecht, autrice di numerosi articoli e libri)

-          Stefania Sinigaglia, ebrea italiana, membro della rete “Donne in nero” e “Ebrei contro l’occupazione”

-          John Spritzler, scienziato e ricercatore della Harvard School of  Public Health, fra i fondatori del “New Democracy World” (www.newdemocracyworld.org) e autore di numerosi articoli sul conflitto israelo-palestinese, pubblicati sul sito : www.jewishfriendspalestine.org

 

Poeti israeliani

-          Aharon Shabtai

-          Yitzhar Laor

 

Traduttore

-          Shmuel Sermoneta Gertel

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Brescia, 31  luglio 2005 Francesca Mazzei

 

Sede legale: via Ducco 36, 25123 Brescia — Codice fiscale e P. IVA: 02509210981

© 2007, Associazione Equatore Onlus

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Riferimenti normativi: Provvedimento Garante della Privacy n. 229/2014 ("Cookie law") - individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo utilizziamo i cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che il server web fornisce al dispositivo di navigazione dell'utente (computer, tablet, samrtphone, ecc.) per consentire l'utilizzo dei nostri servizi. Inoltre le informazioni generate dall'uso dei cookie ci permettono di ottimizzare le pagine e le nostre infrastrutture tecniche, migliorando così la navigazione del sito. Il nostro sito non produce direttamente cookie di profilazione, cioè quei cookie che creano profili dell'utente e che vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente attraverso le sue scelte di navigazione in rete.

Il nostro sito però può contenere link, servizi, immagini o componenti multimediali di terze parti che possono generare a loro volta cookie sui quali non possiamo avere il controllo diretto.

I tipi di cookie che utilizziamo

Cookie tecnici

I cookie tecnici hanno l' unico scopo di garantire la trasmissione della comunicazione tra l'utente e il sito sulla rete Internet, nella misura strettamente necessaria ad assicurare la miglior qualità possibile del nostro servizio.

I cookie generati direttamente dal nostro sito raccolgono dati che vengono memorizzati su server che si trovano sul territorio italiano. I dati correlati ai cookie sono gestiti unicamente all'interno del nostro sito e non sono ceduti a terzi.

In particolare i cookie tecnici gestiti dal nostro sito, come singole informazioni o come dati aggregati possono essere utilizzati in tre modi:

  1. per la generazione delle pagine web del sito: questi cookie sono essenziali per navigare in tutto il sito e utilizzare a pieno le sue funzionalità; per esempio consentono l'accesso alle aree dedicate ad utenti registrati, la registrazione al sito, il login, l'utilizzo di eventuale carrello elettronico e relativo modulo di pagamento online, etc. La semplice visualizzazione di una pagina e altri servizi necessari non possono essere fruiti senza questi cookie.
  2. per l'analisi e la gestione delle prestazioni del sito: questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web rilevando, ad esempio, quali sono le pagine più visitate o se sono stati generati messaggi di errore da pagine web, ma non raccolgono informazioni che identificano il visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite questi cookie sono aggregate e quindi anonime. Lo scopo è quello di migliorare il funzionamento di un sito web e l'esperienza di navigazione dei visitatori.
  3. per la gestione e l'analisi delle funzionalità: questa tipologia di cookie consente di ricordare le scelte fatte dall'utente all'interno del nostro sito per fornire funzionalità personalizzate. Per esempio permettono di ricordare le modifiche apportate alla dimensione del testo. Possono anche essere utilizzati per fornire servizi richiesti dal visitatore come guardare un video o i commenti su un blog. Le informazioni raccolte da questi tipi di cookie sono rese anonime e non utilizzabili per monitorare la vostra attività di navigazione su altri siti web.

Cookie e servizi di terze parti

Sono presenti nel sito Web anche servizi e link di terze parti, ad esempio i pulsanti per YouTube e Facebook, che potenzialmente possono collocare cookie nel dispositivo elettronico dell'utente quando vengono cliccati.

Si tenga presente che l'informativa sull'uso dei cookie non riguarda i link presenti nel sito Web che indirizzano a siti web di terzi. Si consiglia pertanto di leggere le informative sulla privacy presenti negli altri siti web visitati, consultando i link indicati più avanti. Per ulteriori informazioni relative a contenuti forniti da terzi e presenti nel nostro sito (link, immagini, componenti multimediali, ecc), leggere attentamente i paragrafi seguenti.

Si desidera sottolineare come, l'Ente (d'ora in avanti "editore del sito"), non riceva alcuna informazione dai rispettivi provider o concessionari di servizi di terzi, relativa ai dati eventualmente recuperati dagli stessi. In alcuni casi saranno fornite unicamente statistiche aggregate, e quindi anonime, necessarie solo alla contabilizzazione dei servizi di terzi da noi acquistati.

Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google"). Le componenti di Google Analytics inserite nel nostro sito possono utilizzare dei cookie generati direttamente dai server di Google Inc e suoi partner. In qualità di editore del sito non siamo in grado di fornire un'informativa adeguata sull'uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio.
A riguardo consigliamo di visitare il seguente link: http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html

Google Inc. mette a disposizione un plugin per alcuni browser che impedisce il rilevamento del cookie del servizio Google Analytics.
Per maggiori informazioni visita il link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Pulsante e widget sociali di YouTube

Nel sito sono inclusi video, pulsanti ed altri widget sociali del servizio YouTube di YouTube, LLC. Queste componenti possono utilizzare dei cookie generati direttamente dai server di Youtube e suoi partner. In qualità di editore non siamo in grado di fornire un'informativa adeguata sull'uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio.
A riguardo consigliamo di visitare il seguente link: https://support.google.com/youtube/answer/2407785?hl=it

Pulsanti e widget sociali di Facebook

Il sito Web contiene pulsanti e widget per la condivisione di contenuti sul social network Facebook, 1601 South California Avenue, Palo Alto, CA 94304, U.S.A. Queste componenti possono utilizzare dei cookie generati direttamente dai server di Facebook e suoi partner. In qualità di editore non siamo in grado di fornire un'informativa adeguata sull'uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio.
A riguardo consigliamo di visitare il seguente link: http://www.facebook.com/about/privacy/ (Opzione linguistica sul fondo pagina).

Pulsanti e widget sociali di Twitter

Il sito Web include anche funzioni per il provider Twitter, offerte da Twitter Inc., 795 Folsom St, Suite 600, San Francisco, CA 94107, U.S.A. Queste componenti possono utilizzare dei cookie generati direttamente dai server di Twitter e suoi partner. In qualità di editore non siamo in grado di fornire un'informativa adeguata sull'uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio.
A riguardo consigliamo di visitare il seguente link: http://twitter.com/privacy.

Se si è utenti del servizio twitter è possibile modificare le impostazioni di tutela dei dati direttamente dal proprio account seguendo il link: http://twitter.com/account/settings.

Pulsanti +1 widget sociali di Google+ (Google)

Il sito Web include anche funzioni per il provider Google inc, in particolare il pulsante +1 e i widget sociali di Google+, servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc. Queste componenti possono utilizzare dei cookie generati direttamente dai server di Google Inc e suoi partner. In qualità di editore non siamo in grado di fornire un'informativa adeguatada parte del provider/concessionario del servizio.
A riguardo consigliamo di visitare il seguente link: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/.

Negazione del consenso: disabilitazione dei cookie

Attualmente non è possibile disabilitare in modo selettivo i nostri cookie tecnici. In compenso è possibile disattivarli completamente. Per quanto riguarda i cookie di terzi si faccia riferimento ai link forniti nei paragrafi precedenti per l'eventuale disattivazione selettiva, dove possibile.

Nel caso si volesse negare il consenso d'installazione dei cookie generati dal nostro sito è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer o dispositivo impostando, se previsto, la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati.

Visita il sito http://AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

E' importante ricordarti che la disabilitazione dei cookie potrebbe impedirti di usare alcune, se non tutte, funzioni o sezioni del sito.

L'Ente non sarà responsabile di danni subiti dall'utente, tra i quali perdite di dati e finanziarie, causate da malfunzionamenti legati alla negazione del consenso all'utilizzo dei cookie originati dal nostro sito e/o dai siti dei nostri partner.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Per la gestione dei cookie ti consigliamo di far riferimento ai siti degli sviluppatori dei browser, poiché queste variano continuamente in base alla versione del software installato, in particolare:

Accettazione installazione cookie

Utilizzando il nostro sito senza modificare sul proprio browser le configurazioni relative alla disattivazione dei cookie, l'utente accetta che tutti i cookie, compresi quelli di terze parti, possano essere installati sul proprio dispositivo.

RICHIEDI INFORMAZIONI